GIORNATA DI STUDIO

Segreteria organizzativa: sippveneto@libero.it

Programma giornata di studio Padova 2016
Documento Adobe Acrobat 168.4 KB

 

 

ALESSANDRO MARGARA ci ha lasciato

Il 29 luglio 2016 Alesandro Margara ci ha lasciato.

 

Come comunità di psicologi penitenziari ci aggiungiamo con rispetto e sincerità a quanti in questi giorni hanno ricordato l'importanza della sua opera.

 

Ci piace ricordare che aveva sottoscritto con passione il nostro appello del 2013  "Detenuti ed operatori travolti da un insolito destino" e non aveva mai fatto mancare il suo sostegno.

La giustizia e il senso di umanità

Un’antologia di scritti di Alessandro Margara

a cura di Franco Corleone

edito da Fondazione Michelucci Press

 

Scaricabile gratuitamente dal sito della Fondazione Michelucci:
http://www.michelucci.it/2016/07/31/la-giustizia-e-il-senso-di-umanita/

14 luglio 2016 - Rassegna stampa

REDATTORE SOCIALE: Carcere, protestano gli psicologi: "Poche ore e lavoro a rotazione"

13 luglio 2016 - mail Sipp: Un 'insolito destino" non poteva che contemplare una "insolita sentenza'"

E' stata inviata una mail dal titolo: "Psicologi e criminologi penitenziari: un 'insolito destino' non poteva che contemplare una 'insolita sentenza' " a:

- 57 deputati e senatori che dal 2013 hanno firnato o co-firmato interrogazioni per trovare una soluzione alla nostra vicenda;

- firmatari dell'appello del 2013 tra i quale magistrati, professori universitari, associazioni, garanti, ordini psicologi, ecc.;

- Presidente CNOP.

Con tale iniziativa, oltre a informare chi si è interessato alla questione, si vuole chiedere un ulteriore impegno.

9 luglio 2016 - RAssegna stampa

RISTRETTI ORIZZONTI: Consiglio di stato: psicologi e criminologi penitenziari a "rotazione"

8 luglio 2016  - Nota stampa SIPP

Una sentenza del Consiglio di Stato stabilisce che psicologi e criminologi penitenziari devono essere a “rotazione” e che l’interesse pubblico si persegue mediante il loro “ricambio”!

 

  Il Consiglio di Stato, nella sentenza depositata lo scorso 4 luglio, ha accolto il ricorso del Ministero della Giustizia e completamente ribaltato la sentenza del TAR Lazio dello scorso anno che aveva annullato una Circolare del DAP (del 2013) contestata da psicologi e criminologi penitenziari (i cosiddetti “esperti ex art. 80 O.P.”).

  Il Consiglio di Stato stabilisce che il Ministero della Giustizia può e deve utilizzare a propria discrezione le circolari in assenza di altre indicazioni e conclude che psicologi e criminologi penitenziari devono essere a “rotazione” e che l’interesse pubblico si persegue mediante il loro “ricambio”.

  Non è in discussione il diritto del Ministero ad emettere una circolare per regolamentare il lavoro degli “esperti”, ma il contenuto della circolare che non ha tenuto conto di una esperienza maturata in più di 35 anni di contratti rinnovati anno per anno, che il lavoro dei cosiddetti esperti è diventato - proprio grazie ad altre circolari - di fatto strutturato e continuativo, che lo stesso DAP negli anni scorsi aveva chiesto la stabilizzazione di tale ruolo, che dispone nuove selezioni per “esperti” senza valutare l’esperienza, ecc.

  Ma l’aspetto veramente difficile da comprendere e da accettare sotto profilo umano, etico, professionale e scientifico, è come si possa concepire che nel delicato lavoro di osservazione e trattamento del detenuto lo psicologo/criminologo possa essere a rotazione al massimo ogni 4 anni (per fortuna tale “rotazione” non vale per tutti gli altri operatori penitenziari così come il loro “ricambio”).

  La questione, come abbiamo sempre evidenziato, non è legata alla difesa di una categoria (psicologi/criminologi), di un “lavoro” (poche ore al mese) o ad un contenzioso a cui si è dovuti ricorrere per “legittima difesa” e tutela della dignità professionale, ma se il contributo psicologico/criminologico nell’ambito della attività di “osservazione e trattamento” dei detenuti sia ancora utile e non solo formale ed avere il necessario carattere di continuità.

  Su tale aspetto speriamo che il Ministro, i Dirigenti del DAP, i Magistrati di Sorveglianza, i Garanti dei detenuti, gli Operatori penitenziari e quanti si occupano di esecuzione della pena, facciano sentire la loro voce per suggerire una soluzione adeguata che tuteli i detenuti ed anche gli psicologi/criminologi che hanno garantito la loro attività per decenni.

4 luglio 2016

Sentenza sfavorevole del Consiglio di Stato: gli esperti devo essere a "rotazione"!

Dopo quasi 3 mesi (udienza del 7 aprile 2016) il Consiglio di Stato ha accolto totalmente le motivazioni del ricorso del Ministero della Giustizia che si era appellato alla Senterza del TAR Lazio che aveva annullato la famosa Circolare del DAP.

Una ulteriore delusione che genera ancora una volta stupore quando si sottolinea l'importanza della "“rotazione” nel conferimento degli incarichi conferiti dalla P.A." e che il contratto a termine "sia uno strumento di migliore perseguimento dell’interesse pubblico mediante il “ricambio” dei professionisti.

Quando la realtà supera la fantasia: solo psicologi e criminologi sono a tempo, a rotazione e a ricambio!

22 giugno 2016

E' uscito anche il primo avviso per Esperti psicologi e criminologi (Ufficio di esecuzione penale esterna di Catanzaro)

Per vedere l'Avviso cliccare qui.

16 maggio 2016

E' già uscito il primo Avviso per la selezione di "esperti in servizio sociale" in riferimento alla Circolare del 10 maggio

Per vedere l'Avviso cliccare qui.

10 maggio 2016

ANCORA UNA CIRCOLARE CHE PARLA DI PSICOLOGI A ROTAZIONE

Purtroppo il nuovo "Dipartimento minori e comunità" ha prodotto la sua prima Circolare citando la Circolare DAP che è stata frutto di ricorso e in attesa di sentenza da parte Consiglio di Stato.

Ovviamente è positivo che il Capo del nuovo Dipartimento si occupi di potenziare le risorse umane (psicologi e assistenti sociali) e parli di "soluzioni strutturali e definitive", ma parlare anche nel settore dei  minori (oltre all'esecuzione penale esterna adulti) di "rotazione degli incarichi" che devono durane un anno o al masismo due, è veramente difficile da comprendere.

Circolare_10 magggio 2016.pdf
Documento Adobe Acrobat 413.0 KB
Allegato_Circolare 2008.pdf
Documento Adobe Acrobat 2.8 MB

4 maggio 2016

Dichiarazione rilasciata (su richiesta) a “Redattore Sociale”

Con la direttiva su suicidi, tentati suicidi e autolesionismo si conferma l’attenzione da parte del Ministro Orlando come già emerso recentemente anche negli “Stati Generali”.  E’ fondamentale mantenere alta l’attenzione poiché come noto il suicidio in carcere si sviluppa in modo maggiore rispetto ad altri contesti e, come ricorda l’OMS, tutti “gli individui che subiscono il regime di detenzione presentano frequenti pensieri e comportamenti suicidari durante tutto il corso della loro vita”.

Va benissimo il Piano nazionale del DAP che dovrà coordinarsi con le “Linee di indirizzo” del 2012 e le conseguenti linee operative che le Regioni hanno già iniziato a elaborare per dar vita ad una strategia globale di intervento, di presa in carico multidisciplinare e complessa del paziente-detenuto che, come evidenzia il Comitato Nazionale di Bioetica (Il suicidio in carcere. Orientamenti bioetici,  2010), opportunamente citato dal Ministro, richiede una responsabilità generale di tutti gli operatori presenti negli istituti penitenziari, tenuto la condizione di vulnerabilità bio-psico-sociale della popolazione detenuta.

 

Insieme gli aspetti ambientali è necessario favorire la speranza di un futuro possibile per tutti i detenuti (ergastolani inclusi) a partire dall’accesso alle misure alternative e avviare reali percorsi di “rieducazione” e tutela della salute” in carcere: sono aspetti fondamentali che possono permettere di affrontare la pena e costituire la cornice entro la quale diventa efficace potenziare “il trattamento del disagio psicologico e mentale”, “di conoscenza approfondita delle persone ristrette e di garantire la miglior comprensione e gestione delle situazioni di maggior disagio” e promuovere “opportune misure di osservazione del detenuto”.

Per raggiungere tali obiettivi non bisogna dimenticare il ruolo di tutti gli operatori penitenziari e, tra questi, forse anche psicologi e criminologi  (cosiddetti esperti ex art. 80 O.P.) che possono dare il loro contributo, ma da anni il numero delle ore a disposizione è ridotto (a grandi linee circa 20 ore al mese), le convenzioni  sono state per circa 35 anni con scadenza annuale e rinnovabili, ma dal 2013 (con una circolare DAP) si possono rinnovare solo per un “quadriennio” nello stesso istituto penitenziario ed inoltre nell’assegnazione degli incarichi è stata azzerata l’esperienza maturata.
Allo stesso modo le nuove competenze del sistema sanitario nazionale non ha ancora in modo omogeneo definito e stabilizzato l’intervento degli psicologi.

Il nuovo corso di politica penitenziaria sollecitato dagli “Stati generale” e dalla riorganizzazione del DAP, offrono la speranza che gli importanti principi già previsti nell’Ordinamento Penitenziario si traducano definitivamente in azioni concrete per la dignità dei detenuti e di coloro che cercano di favorire quei percorsi di rieducazione, reinserimento sociale e tutale della salute che opportunamente viene evidenziato con questa nuova direttiva.

Alessandro Bruni (psicologo psicoterapeuta, criminologo clinico, presidente Società Italiana Psicologia Penitenziaria)

7 aprile 2016

UDIENZA CONSIGLIO DI STATO: LA SENTENZA ENTRO 45 gg.

Oggi si è tenuta l'udienza al Consiglio di Stato che ha trattenuto il fascicolo e si è riservato di decidere.

Dall'atteggiamento dei giudici non è emersa alcuna indicazione.

Il Consiglio di Stato emetterà la sentenza entro 45 giorni.

Come sempre attenderemo con la speranza di un esito favorevole e poter lavorare per una soluzione decorosa.

6 febbraio 2016

BUFFA NUOVO DIRETTORE DIREZIONE GENERALE PERSONALE E RISORSE

Un'altra buona notizia: Pietro Buffa è stato nominato Direttore della Direzione generale del personale e delle risorse.

Avevamo già salutato con interesse la nomina di Massimo De Pascalis nel ruolo di Vice Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria.

Speriamo che il nuovo corso al DAP e al Ministero con l'iniziativa degli Stati Generali possano permettere di affrontare in modo costruttivo la nostra vicenda.

5 febbraio 2016

PALMA NOMINATO GARANTE DEI DIRITTI DEI DETENUTI

Una buona notizia: Mauro Palma è stato nominato Garante dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale.

In passato abbiamo avuto alcuni contatti con Mauro Palma nel suo ruolo di consulente del Ministro della Giustizia e di componente del comitato scientifico degli Sati Generali: confidiamo che nell'ambito della tutela dei diritti dei detunti ci sia anche il diritto al trattamento e la tutela della salute sotto il profilo psicologico (e quindi di chi deve garantire tali interventi).

Situazione provvisoria nei singoli PRAP delle selezioni e delle convenzioni al 11 gennaio 2015: si attendono aggiornamenti dai "refernti regionali"

PRAP SELEZIONI CONVENZIONI
Abruzzo e Molise bando scaduto proroga per 1 anno
Basilicata
realizzate
proroga
Calabria
previste
proroga
Campania
realizzate (Napoli e Salerno) affidati nuovi incarichi
Emilia-Romagna previsione 2017

rinnovo con incompatibilità

con incarichi Asl

Lazio
non previste

 

Liguria realizzate
affidati nuovi incarichi
Lombardia previste per settembre
nuova proroga al 31.03.2015
Marche realizzate
affidati nuovi incarichi
Piemonte /Valle Aosta
non previste rinnovo convenzioni
Puglia
bando scaduto proroga
Sardegna realizzate affidati nuovi incarichi
Sicilia bando scaduto ulteriore proroga al 31.12.15
Toscana realizzate affidati nuovi incarichi
Veneto/Friuli/Trentino
previste per il 2017

rinnovo convenzioni

Umbria realizzate gli incarichi verranno affidati da gennaio 2015

 

18 marzo 2014: si è tenuta la manifestazione promossa da Società Italiana Psicologia penitenziaria, Coordinamento Criminologi Clinici Penitenziario con il supporto del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi. Hanno aderito l’AUPI nazionale e quello dell’Emilia Romagna, gli Ordini regionali di Puglia, Umbria, Campania, Emilia-Romagna, Abruzzo, Sicilia, Molise, Basilicata; l’Unione delle Camere Penali Italiane, la Conferenza Nazionale del Volontariato in carcere, il Forum salute in carcere, l’Associazione il Detenuto Ignoto, la CGIL FP Sicilia e il Garante dei detenuti della Marche.

Erano presenti colleghi rappresentanti di molte regioni. Hanno portato la loro solidarietà Mario Sellini segretario dell’AUPI nazionale, Stefano Anastasia già presidente di Antigone.

E' stato lanciato un appello al Ministro della giustizia e siamo stati ricevuti dal Vice Ministro della giustizia Enrico Costa. Il Vice Ministro, pur in tempi ridotti, si è manifestato disponibile e documentato sulla nostra situazione: ha assunto l’impegno di fare una verifica a breve sulle possibilità da noi prospettate. Abbiamo lasciato un breve “memo” dove abbiamo chiesto la “moratoria” della circolare e l’apertura di un confronto per trovare una adeguata soluzione.

ANSA, 16 marzo 2014 - Psicologi penitenziari; ci stanno espellendo dalle carceri, martedì manifestazione (link)

Nella relazione della Corte dei Conti (depositata il 05.08.2013) sull'assistenza e la rieducazione dei detenuti si evidenziano molte complessità e, per quanto ci riguarda, emerge che il DAP non conosce il numero degli "esperti" e alcuni PRAP forniscono dati incompleti.

Invitiamo tutti gli psicologi penitenziari a compilare una scheda (clicca qui) per avere una nostra banca dati e poter comunicare con tutti.

Si tratta di una "esercitazione estiva" per avere un quadro aggiornato sulla posizione di tutti gli psicologici penitenziari. Per partecipare al sondaggio cliccare qui


UN PORTALE PER LA PSICOLOGIA PENITENZIARIA

Con questo sito, che tenta di essere un portale informativo sulla psicologia penitenziaria, vogliamo creare uno spazio di incontro per la comunità degli psicologi penitenziari. (continua)

Campagna di Antigone per promuove le misure alternative al carcere a cui ha aderito anche la SIPP.

NOVITA' BIBLIOTECA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pietro Buffa,

UMANIZZARE IL CARCERE

Diritti resistenze, contraddizioni ed opportunità di un percorso finalizzato alla restituzione della dignità ai detenuti

Laurus Robuffo Editore, Roma 2015, pp. 208.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luigi Manconi, Stefano Anastasia, Valentina Calderone, Federica Resta, ABOLIRE IL CARCERE Una ragionevole proposta per la sicurezza dei cittadini, Chiarelettere, Milano 2015.

Bruni A. (a cura di), Psicologi "dietro" le sbarre. Appunti di psicologia penitenziaria, Simple Edizioni, Macerata 2013.

Ristretti Orizzonti: Libri: Psicologi "dietro" le sbarre(link)

Per ordinare il libro rivolgersi alle Edizioni Simple o alle librerie on line (IBS, Webster, Mondadori, Libreria Universitaria, Deastore, Amazon, ...).

VIDEO

Aggiornamenti quotidiani da e sul carcere. "clicca qui"

"Detenuti ed operatori travolti da un insolito destino" appello al Presidente della Repubblica del 6 febbraio 2013. Per firmare cliccare qui o inviare una mail a bruni.a@libero.it

Firme al 29 maggio 2013: n. 745

Firme al 2 gennaio 2014: 768

Per leggere il testo dell'appello cliccare qui

1. Prime  adesioni

2. Altre adesioni

19 maggio 2015

La SIPP è stata invitata ed ha partecipato alla presentazione degli "Stati Generali sull'esecuzione penale".

OSSERVATORIO PERMANENTE SULLE MORTI IN CARCERE

L'Osservatorio è promosso da Radicali Italiani, “Il Detenuto Ignoto”, “Antigone”, "A Buon Diritto”, “Radiocarcere”, “Ristretti Orizzonti”.

FORUM SALUTE CARCERE

Forum nazionale per il diritto alla salute delle persone private della libertà personale - Onlus, c/o Ufficio del Garante detenuti Lazio, via Pio Emanuelli, 1 - Roma

e-mail: forumsalutecarcere@libero.it

Psicologia penitenziaria in:

 sito aggiornato al 29/07/ 2016